TUMORI DELLA VULVA, l'organo genitale femminile esterno è sede abbastanza frequente di tumori di vario genere e tipo, benigni e maligni. Poiché la vulva è ricca in pigmento nero (melanina) non sono eccezionali, specie sulle grandi labbra, i melanomi, spesso misconosciuti dal medico, dotati di notevole malignità per la loro tendenza a diffondersi localmente e ad invadere le vicine ghiandole linfatiche degli inguini. Pure dotati di tendenza alla diffusione ai linfonodi sono i non rari carcinomi spinocellulari, che hanno l'aspetto di proliferazioni dure, lardacee, ulcerate e che non di rado insorgono su una pregressa craurosi vulvare, una lesione diffusa che non è rara nelle donne anziane, al di là della menopausa, e che deve essere considerata una precancerosi, cioè una lesione capace di evolvere in cancro.

0 commenti