Ricevi i nuovi articoli pubblicati

domenica 29 marzo 2009

POLINEVRITE

POLINEVRITE malattia dei nervi periferici, ratterizzata da una infiammazione con infiltrazione di globuli bianchi nel tessuto connettivo che costituisce il fascio nervoso, aumento della vascolarizzazione, distruzione delle fibre nervose (di moto e di senso) del nervo, a cui consegue una degenerazione del muscilo ( degenerazione grassa, disintegrazione delle fibre muscolari, aumento del tessuto connettivo perimuscolare). La polinevrite infiammatoria si mescola alla « nevritide » (che è una forma solo degenerativa), ma è più frequente nel corso di malattie infettive. Si ha un ingrossamento del nervo, che arrossa, diventa edematoso e presenta varie piccole emorragie. La polinevrite si presenta con paralisi flaccide ai muscoli ( soprattutto a quelli delle mani e dei piedi), abolizione dei riflessi osteotendinei, dolori spontanei sia in corrispondenza dei nervi che dei territori a cui i nervi si riferiscono, con alterazioni della sensibilità. Da un punto di vista clinico si può avere una forma mista (che riguarda sia le fibre di senso che quelle di moto), una forma sensitiva, una forma motoria ed una forma pseudotabetica. Nelle polineuriti tossiche (alcoolismo, piombo, mercurio, ecc.) è quasi sempre presente un disturbo anche delle attività psicologiche. La difterite, il tifo, la brucellosi, la sifilide, la parotite, la tubercolosi, la rabbia, ecc., sono le cause più frequenti di polinevrite infettiva. Il diabete, la gotta, la nefrite, l'alcool, il piombo, il mercurio, l'arsenico, i sulfamidici, la steptomicina e la stessa gravidanza, sono le principali cause che danno origine ad una polinevrite tossica. Infine si può avere polinevrite da carenze alimentari e vitaminiche (soprattutto da insufficienza di vitamina B,) . La terapia farmacologica si basa sulla somministrazione del complesso B a dosi sostenute, ma (oltre alla terapia causale nelle forme infettive e alla eliminazione dei veleni in quelle tossiche) è opportuna una leggera fisioterapia (massaggi e mobilizzazioni passive) per evitare atrofie e contratture muscolari.

6 commenti:

samuele ha detto...

salve mia madre soffre dai polinevrite da tanti anni ,i medici dicono che non ci sono cure,qualcuno puo dirmi se e' vero? grazie samuele

vincenzo sais ha detto...

ciao,sono vincenzo 15 anni fa sono riuscito a sconfiggerla la polinevrite acuta.

samuele ha detto...

ciao vincenzo...puoi mandarmi la tua mail...? grazie a presto.

samuele ha detto...

ciao vincenzo puoi dirmi dove ti sei rivolto per guarire?

Luigi Cataldo ha detto...

Ciao sono Rocco, mio fratello ha lo stesso problema, mi potete dire dove vi siete rivolti? il mio indirizzo mail è roccostrianese@virgilio.it
Grazie ci conto.

Valentina luca ha detto...

Ciao sono valentina 24 anni la polinevriteacuta ha colpito anke me qst anno in 40 giorni sono tornata alla normalita